• In a world of separation, art connects

TODAY

« October 2021 »
Mo Tu We Th Fr Sa Su
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

SONNET 97

 How like a winter hath my absence been

 From thee, the pleasure of the fleeting year!

 What freezings have I felt, what dark days seen!

 What old December's bareness everywhere!

 And yet this time remov'd was summer's time,

 The teeming autumn, big with rich increase,

 Bearing the wanton burthen of the prime,

 Like widow'd wombs after their lords' decease:

 Yet this abundant issue seem'd to me

 But hope of orphans and unfather'd fruit;

 For summer and his pleasures wait on thee,

 And thou away, the very birds are mute;

 Or if they sing, 'tis with so dull a cheer

 That leaves look pale, dreading the winter's near.

(William Shakespeare)

 

Come mi è parsa inverno la mia lontananza
da te, unica gioia del fuggente anno!
Che gelo ho sentito, che neri giorni ho vissuto!
Che desolazione ovunque di vecchio Dicembre!
Eppure quel periodo d’assenza era tempo d’estate,
il prolifico autunno, carico di ricchi frutti,
sta maturando il seme della vogliosa primavera,
qual vedovo grembo dopo la morte del suo signore:
ma questa gran prosperità allora mi sembrava
un fiorir di orfani, di gemme senza padre
perché l’estate e i suoi piaceri dipendono da te
e con te lontano, anche gli uccelli sono muti
o se cinguettano è con sì poco spirito
che ogni foglia impallidisce temendo già l’inverno.

 

 

 

 

 



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Link to previous site

You can still see the site in the previous version.
The last update: December 2009.

 » previous site